Che cos’è il Consiglio Cantonale dei Giovani?

Il Consiglio Cantonale dei Giovani (CCG) è il parlamento giovanile ticinese. Il progetto è riconosciuto e regolamentato all’art. 11a-d della legge giovani  e all’art. 14 a-e del relativo regolamento  d’applicazione. Il CCG ha lo scopo di avvicinare i giovani alla conoscenza dei meccanismi democratici e di favorirne la partecipazione ad attività politiche, di incoraggiare l’incontro e lo scambio di idee fra i giovani e tra questi e le autorità su temi scelti dai giovani stessi. Il Consiglio di Stato riconosce funzione propositiva al Consiglio cantonale dei Giovani, si impegna a rispondere alle risoluzioni da esso adottate e a concordare le modalità di dialogo.

Chi può partecipare alla sessione 2019?

Al CCG possono partecipare tutti giovani dal quindicesimo al diciannovesimo anno di età residenti in Ticino. Chi si iscrive al CCG può richiedere un’autorizzazione per assentarsi da scuola al proprio istituto scolastico o un congedo giovanile  ai sensi dell’art. 329e CO al proprio datore di lavoro.

Alla sessione 2019 possono partecipare tutti i nati negli anni 1999, 2000, 2001, 2002, 2003 e 2004.

Cosa bisogna fare per poter partecipare?

Per partecipare al CCG basta visitare la pagina iscrizioni  e compilare l’apposito modulo di iscrizione.

Come è organizzato?

Il CCG è composto da un’Assemblea plenaria, un Comitato organizzativo ed un Segretariato.
L’Assemblea plenaria si svolge nell’Aula del Gran Consiglio ed è composta da tutti i giovani aventi diritto a partecipare al CCG che si sono iscritti entro il termine fissato dal Comitato organizzativo e che hanno partecipato ad almeno una giornata di lavori. L’Assemblea approva la risoluzione all’attenzione del Consiglio di Stato, le prese di posizione a nome del Consiglio Cantonale dei Giovani ed elegge il Comitato.
Il Comitato organizzativo è formato da al massimo undici membri dell’Assemblea e si organizza autonomamente. Esso convoca, organizza e dirige le sedute dell’Assemblea, sceglie il tema dell’anno, previa consultazione dei giovani del Cantone o dell’Assemblea, e propone all’Assemblea i nomi dei membri del Comitato per l’anno successivo. Visita la pagina comitato per scoprire chi sono i nove membri del Comitato del CCG per l’edizione 2019.
Il Segretariato viene fornito da un ente di diritto privato senza scopo di lucro che opera nel campo delle attività giovanili ed al quale il Consiglio di Stato attribuisce il mandato per il supporto amministrativo, logistico ed operativo all’organizzazione del CCG, concedendo un sussidio per le spese d’esercizio. L’ente nomina una persona che assume la funzione di segretario, il cui compito principale è quello di agire quale facilitatore per permettere al Comitato di organizzare al meglio i lavori del Consiglio. Per l’edizione 2019, l’ente responsabile del funzionamento del Consiglio, e che fornisce il Segretariato è la FSPG.

Come viene scelto il tema della sessione?

Il tema e le relative proposte che verranno trattate durante la sessione vengono decisi ad inizio anno dal Comitato, dopo che questo ha consultato l’Assemblea od i giovani del Cantone.

Come si svolgono i lavori?

Giornata preparatoria: sabato 30 marzo 2019

La giornata preparatoria si tiene in un istituto scolastico del Cantone e prevede due momenti. Al mattino vengono organizzati dei dibattiti in tavole rotonde (Speed Debating), con degli esperti scelti in funzione delle proposte selezionate dal Comitato. Al pomeriggio, ogni tavola rotonda diventa un gruppo di lavoro all’interno del quale, alla presenza degli esperti e di un membro del Comitato, viene formulata una proposta concreta all’attenzione del Consiglio di Stato. Una volta conclusi i lavori di gruppo, il Comitato raccoglie i testi con le varie proposte all’interno di una prima bozza del testo della risoluzione.

Riunione dell’Assemblea: venerdì 10 maggio 2019

La riunione dell’Assemblea si tiene a Palazzo delle Orsoline, nell’Aula del Gran Consiglio. Nel corso della giornata tutti i giovani hanno la possibilità di esprimere la propria opinione circa la bozza della risoluzione da inoltrare al Consiglio di Stato. Durante i lavori i giovani hanno l’occasione di proporre e di pronunciarsi a favore, o contro, tutte le eventuali modifiche alla bozza. Al termine della giornata l’Assemblea si pronuncia sull’integralità del testo della risoluzione. Quest’ultima viene poi trasmessa all’attenzione del Consiglio di Stato del Canton Ticino, in modo da permettergli di redigere un rapporto sulle proposte formulate. Una volta ricevuto il rapporto del Consiglio di Stato, il Comitato redige, a sua volta, un rapporto sulla risposta ricevuta. Questo viene poi inoltrato ai partecipanti prima dell’incontro con i rappresentanti del Consiglio di Stato.

Incontro con i rappresentati del Consiglio di Stato: venerdì 27 settembre 2019

Così come la riunione dell’Assemblea, anche l’incontro con i rappresentanti del Consiglio di Stato si tiene a Palazzo delle Orsoline, nell’Aula del Gran Consiglio. La giornata prevede due momenti: dapprima, il Comitato presenta il suo rapporto sulle risposte ricevute dal Consiglio di Stato e lo discute con l’Assemblea; in seguito, i giovani hanno la possibilità di porre direttamente delle domande ai rappresentanti del Consiglio di Stato, invitati per l’occasione.